Uno nessuno e centomila: riassunto e analisi del testo del capolavoro di Luigi Pirandello

Scritto da: -

Gli esami di Maturità si avvicinano a larghe falcate: è il momento di cominciare a mettere da parte un po' di materiale.

luigi_pirandello.jpg

L’appuntamento con gli esami di Maturità si avvicina a larghe falcate e per gli studenti attesi dalle famigerate tre prove scritte è già tempo di mettere da parte materiale che potrebbe tornare utile. A cominciare dalla prima prova, il compito di italiano, che prevede anche una traccia di approfondimento letterario, legata all’analisi di un testo.

In tal senso, oggi vogliamo provare ad agevolarvi il lavoro, riprendendo una scheda sintetica dell’opera di Luigi Pirandello, “Uno nessuno e centomila“. Un classico che potrebbe palesarsi, vista la “latitanza” dalle tracce del Ministero dell’autore agrigentino. Il materiale che vi presentiamo è adattato da qui

L’OPERA - Gestazione lunga e difficile: pubblicato tra il 1925 e il 1926 su La Fiera letteraria, nonostante Pirandello ne avesse cominciato la stesura nel 1909. Il romanzo può essere considerato il compimento del precedente “Il fu Mattia Pascal” (1904), in quanto rappresenta il superamento della debolezza umana che che aveva portato il protagonista a fuggire dalle trappole della propria esistenza (il lavoro, la famiglia, i debiti) e a gettarsi in un’identità autocreata. In Uno, nessuno e centomila ci troviamo al cospetto di un personaggio più maturo, Vitangelo Moscarda, che non combatte più contro le trappole dell’esistenza, bensì contro quelle che Pirandello definisce “maschere”. Per Vitangelo tutto inizia da un episodio banale, dal quale scaturisce la consapevolezza che noi non siamo per gli altri ciò che siamo per noi stessi, o che crediamo di essere, ma ognuno ci attribuisce una personalità e un’identità in base a propri interessi, scopi, desideri o supposizioni.

RELATIVISMO - Il relativismo non moltiplica né intensifica l’esistenza, ma la annulla, poiché l’uomo non viene riconosciuto dagli altri per ciò che è realmente, ma viene sostituito, nella loro mente e nella loro vita, da un’altra figura. Dunque, finisce col non esistere affatto: quella moltitudine di impressioni, quelle “centomila” rappresentazioni che si hanno di un uomo, vanno a frammentare la sua essenza unitaria, il suo “essere uno”, annientandolo completamente e rendendolo un “nessuno”. Si diventa schiavi di un meccanismo malato che porta ad adeguare il proprio atteggiamento all’opinione degli altri, si tende a fare e dire ciò che gli altri si aspettano che si faccia o si dica: e questa non è vita, non per Vitangelo, che inizia a provare una repulsione verso questa spirale infernale, che altro non è se non finzione.

Vitangelo avverte la soppressione della propria autenticità, non si riconosce più in un “uomo”, ma solo in un “vivente”. Non gli resta quindi che sottrarsi a quella “non vita”, che ha sottratto lui al flusso energetico e vitale della natura. Il raggiungimento di una condizione autentica e reale, immune dalla falsità e dalla menzogna, non può che escludere “gli altri”, intesi, questi, come i soggetti che, con la costruzione delle loro opinioni, sopprimono il reale, tanto negli uomini, quanto nelle cose. Il relativismo, infatti, per Pirandello è assoluto: gli oggetti diventano importanti, belli, inutili o indifferenti a seconda dei rapporti che hanno con la nostra vita, con i nostri ricordi; e gli stessi uomini diventano un oggetto in balìa dell’interpretazione altrui.

IL NOME - L’elemento mistificante risulta essere il nome: dare un nome ad un individuo o ad una cosa dà alle persone l’illusione che questa persona, o cosa, sia unica ed assoluta, mentre in realtà quel processo nasconde la costruzione di un’idea soggettiva, che si va a sovrapporre all’essenza vera. E in questo sta la differenza tra Mattia Pascal e Vitangelo: quest’ultimo rinuncia al suo nome, ma anche ad averne un altro, mentre Mattia Pascal, nel primo romanzo, si era limitato a cambiarlo, perché voleva solo un’altra identità, credendo che la sua infelicità fosse legata al tipo di vita condotto “nei suoi panni”. Vitangelo è andato ben oltre, la sua riflessione si è spinta più lontano, si è spinta al limite, quasi all’eccesso: quello che ha scoperto è troppo difficile da sopportare. Per questo decide di liberarsi di qualunque tipo di identità, avendo compreso che qualunque dimensione, contaminata dagli “altri” e dalle loro opinioni e supposizioni, sarebbe illusoria: ormai Vitangelo si sente, più che identità, soltanto pura anima.

LINK UTILI

La coscienza di Zeno: riassunto e analisi

Materie Maturità 2012: la lista dei commissari dell’esame di Stato 

Maturità 2008: le tracce della prima prova

Maturità 2011: tema storico-politico

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 1 voti.